Airbnb: come funziona e perché lo uso sempre

Quando devo soggiornare in un’altra città, il primo sito che consulto è quello di Airbnb perché mi sono sempre trovata bene e da buona risparmiatrice valuto sempre l’idea di pernottare in appartamento per risparmiare.
Ovviamente non sempre è facile trovare un buon prezzo, perché i costi sono decisi da chi affitta, proprio come accade per gli hotel, ma un’occhiata preferisco sempre darla, anche per farmi un’idea del prezzo medio per uno o più giorni. Se lo trovo conveniente o comunque adatto al mio budget, comincio a mobilitarmi per la prenotazione del volo e in generale la programmazione della mia vacanza (sì, adoro risparmiare anche quando viaggio).

Al momento, in base alle mie esperienze, ho trovato Airbnb conveniente per i soggiorni di almeno 2 persone; più si è, più è interessante il risparmio. Spesso in albergo occorre prenotare più camere doppie mentre su Airbnb non mancano le case con due-tre camere da letto o più. Non voglio poi soffermarmi sui vantaggi dello stare in appartamento perché credo sia soggettivo, ma a me risulta più comodo avere a disposizione una cucina per risparmiare, ad esempio, sui pasti. Inoltre penso che ci sia più privacy rispetto a una camera d’albergo e la cosa non mi dispiace quando viaggio.

Come funziona Airbnb

Airbnb è composto da camere private e appartamenti di persone di tutto il mondo! C’è chi inserisce le stanze del proprio b&b, chi la casa in campagna, chi ancora la propria di tutti i giorni per ottenere un guadagno tramite l’affitto temporaneo.

La ricerca è molto intuitiva e ci sono anche parecchi filtri interessanti che consentono di trovare esattamente ciò che si sta cercando. Ad esempio, il numero di camere da letto è fondamentale quando si cerca una sistemazione per due coppie che ovviamente vogliono la propria privacy; aiuta a escludere gli alloggi che contano come secondo letto per due il divano del soggiorno.

Da qualche mese sono presenti anche le Esperienze, ossia attività di vario genere proposte da persone del luogo che possono essere effettuate durante la propria vacanza. In più, troviamo anche i ristoranti, l’ultima chicca di Airbnb.

Come risparmiare su Airbnb

Il metodo principale per ottenere dei buoni per risparmiare è quello di invitare degli amici. Utilizzando il link d’invito, riceverete fino a € 25 di sconto sulla prenotazione di una casa e € 9 da utilizzare per un’esperienza del valore minimo di 43€.
Quando un vostro amico effettuerà il primo soggiorno o un’esperienza, riceverete fino a € 23 in crediti di viaggio.

Lati negativi

Il prezzo spesso non è quello che appare prima di entrare negli annunci. Si aggiungono spesso le spese di pulizia, ad esempio, per cui il budget impostato rischia di non essere rispettato. Possono anche essere presenti ulteriori costi, per cui il primo suggerimento che darei ad Airbnb è di mostrare il prezzo finale già nell’anteprima.

Altra cosa che chiederei è di fare la stessa cosa quando ci sono delle promozioni. Alcuni host inseriscono degli sconti (es. prenotazione in anticipo quando la data del soggiorno è distante da quella di prenotazione) e non è possibile scoprirlo prima di cliccare sull’annuncio. Sarebbe corretto anche verso gli host che effettuano delle promozioni, dare evidenza a queste sistemazioni, anche inserendo un filtro che mostra quelle per prime.

La mia opinione

Per quelle che sono le mie esperienze, mi sono trovata bene quasi sempre. Ho avuto un’esperienza “negativa” solo una volta a Milano. L’host della casa non ha fatto pulire bene la casa ed era veramente palese che fosse sporca. Aveva specificato di avere dei cani e che quindi fosse possibile trovare dei peli qui e lì, ma per me non era un problema; trovare invece lo sporco sotto al letto è inaccettabile, perché per crearsi ha bisogno di tempo, quindi era evidente che non avesse fatto pulire la casa. Ho lasciato una recensione negativa e purtroppo in questo Airbnb non è stato d’aiuto in alcun modo. Allego una foto della situazione che ho trovato sotto il letto.

Casa sporca airbnb

Tutte le altre volte è andata benissimo. Ho un ricordo molto piacevole di altre due case:

    • Una casa affittata a Milano di proprietà di Alessandra, una ragazza che dormiva dai genitori quando aveva delle prenotazioni. Ci ha aperto sua madre la mattina in cui siamo arrivati e abbiamo trovato la casa davvero accogliente, piccola ma confortevole. Ho apprezzato i riscaldamenti perché c’era molto freddo e anche la presenza di pianoforte e libri; nei momenti di relax dopo le lunghe passeggiate, ho suonato e letto. La cucina è stata molto comoda per fare un tè caldo da sorseggiare davanti al libro che ho divorato fra quelle mura accoglienti.
      L’unica pecca è stata l’assenza del phon, ma era chiaro che la proprietaria dell’appartamento fosse ancora alle prime armi, per cui le era completamente passato di mente di lasciare il proprio.
    • Una casa a Milano di una coppia molto gentile che aveva un appartamento davvero delizioso, ben arredato e dotato di tutto il necessario. Avevo regalato a mio fratello un viaggio a Milano per vedere la sua squadra del cuore ed eravamo partiti in tre, così mi serviva una casa con due camere da letto. I costi erano veramente elevati per il mio budget ma poi ho trovato la casa di Paolo e Inna, perfetta per il nostro soggiorno. Non era presente una seconda camera da letto ma c’era un soggiorno con un divano comodissimo e una tv gigante con Netflix, per cui mio fratello è stato bene e ha subito gradito l’ambiente (e ovviamente anche il televisore).
      Casa milano airbnb paolo inna
    • Una casa a Milano di un ragazzo che viveva lì durante gli anni dell’università e avendo ultimato il suo percorso di studi, aveva deciso di affittarla. L’avevo scelta perché volevo fare un regalo di compleanno speciale e la particolarità di questo appartamento era la stupenda vista fronte Duomo, veramente straordinaria. Non dimenticherò mai l’immagine della piazza completamente vuota di notte, assolutamente magica, così come quella della mattina successiva, dapprima occupata solo dai primi lavoratori e da chi stava effettuando le pulizie, poi super affollata, pullulante di turisti in ogni angolo. La casa era molto carina e con una posizione perfetta per un viaggio a Milano. Allego un’immagine della vista che ho condiviso su Instagram durante quei giorni.

In sintesi…

Lo so: starete pensando “ma vai sempre e solo a Milano?”. La verità è che Milano è costosa quindi ho sempre optato per l’appartamento mentre in altri viaggi ho trovato degli hotel a buon prezzo.
Ad ogni modo, mi sento di consigliare Airbnb perché come potete leggere, le mie esperienze sono state positive. Ovviamente comparate sempre i prezzi consultando altri portali se il vostro obiettivo è il risparmio.

Iscriviti alla newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti alla nostra newsletter e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Lascia un commento: è sempre gradito :-)

No Comments Yet.

Previous
YAP: come ottenere € 10 euro in omaggio
Airbnb: come funziona e perché lo uso sempre