Caffè al Ganoderma: la mia esperienza è positiva

Considerazioni sul caffè al Ganoderma basate su un’esperienza reale, non su una ricerca online!

Uno dei miei ultimi acquisti non riguarda l’abbigliamento né i cosmetici: i ritmi frenetici mi hanno portata a riassumere nuovamente il caffè tutti i giorni, così ho dovuto cercare una soluzione alternativa. La caffeina e io non andiamo particolarmente d’accordo, ma grazie al cielo so di non essere l’unica!
Con una media di 3-4 caffè al giorno, a fine giornata avevo difficoltà ad addormentarmi, per cui andare a lavoro la mattina era sempre più stressante. Il mio acquisto mi ha consentito di risolvere questo problema, ma non solo: ho rinunciato a tutte quelle bustine di zucchero di canna che utilizzavo per ciascun caffè.

Caffè al Ganoderma
Ad ogni modo: arrivo al dunque e vi svelo il mio nuovo acquisto. Si tratta del Cafè Mocha al Ganoderma: potete vederlo nelle immagini che ho allegato e scattato appositamente per questo intervento.

La mia diffidenza è durata parecchio: mi avevano parlato spesso di questa alternativa, ma non assumendo spesso caffè, ero poco interessata. Per un periodo piuttosto lungo ho smesso di bere caffè per evitare mani tremolanti, problemi allo stomaco, crampi; non andando molto d’accordo, era la scelta migliore. Successivamente, però, ho intrapreso una routine lavorativa in cui non potevo evitare di reintegrarlo. 
Mi hanno riempito di fogli che spiegano i benefici del ganoderma, ma non vi ho badato: ciò che mi ha realmente convinta è stato berlo. Il sapore è delizioso e non serve che aggiunga lo zucchero. Posso berlo anche dopo cena, se mi va: con il caffè non potevo affatto farlo. Le mie mani non tremano più, ma in fondo è più che normale: ho eliminato il nemico del mio organismo e adesso sto meglio.

Non posso assicurarvi nulla: il mio scopo è ben diverso. Non voglio scrivere un articolo ricco di informazioni scopiazzate da Wikipedia. Su questa tematica i dibattiti sono tantissimi: io ho preso una posizione, basata su un giudizio concreto. Sinceramente non perdo tempo a leggere le critiche di chi non ha nemmeno mai provato un prodotto ma solo effettuato delle ricerche su internet.
L’unico cambiamento da me effettuato è questo: scegliere il ganoderma e abbandonare il caffè. Non è detto che il merito sia del primo prodotto, ma i fatti non cambiano: mi addormento con più facilità, i miei problemi di insonnia sono spariti e sono contenta di non dover soffrire più di acidità e bruciore di stomaco.

Cafè Mocha al Ganoderma
Certo è, invece, che il ganoderma lucidum vanta determinate proprietà, e non c’è da stupirsi: questo vale per tutti gli alimenti. Siamo innanzitutto quello che ingeriamo. Questo non significa che bisogna evitare di mangiare qualsiasi cosa, ma al tempo stesso, credo che debbano esserci dei limiti. Ognuno ha i propri. Conosco molta gente che può ingurgitare qualsiasi  cosa digerendo tutto con facilità. Alcune di queste stesse persone sono le prime a credere che inventiamo fandonie quando parliamo di intolleranze e problemi di stomaco. Beh, se state leggendo, continuate pure. Ho una notizia per voi: non siamo tutti uguali!

Dopo questo piccolo sfogo, concludo inserendo alcuni link utili: se volete informarvi e saperne di più, il web è ricco di informazioni interessanti.
Io ho acquistato la confezione di caffè al ganoderma che potete scorgere nelle immagini. Dopo un paio di settimane è finita, considerati i miei ritmi (una bustina al giorno – quattro caffè). Si tratta di una delle più costose, contenendo solo 15 bustine. Se desiderate consumare un normalissimo caffè, tanto vale acquistare il pacco da 30 bustine (Gourmet Caffè Nero): ha lo stesso costo ma il numero di caffè è maggiore chiaramente.
Il prezzo è di 35 euro, che può benissimo scendere: è possibile, infatti, addentrarsi in questo settore vendendo confezioni di caffè al ganoderma ad amici, parenti, colleghi di lavoro, vicini. Io non mi sono interessata, ma non posso negare di aver risposto a diverse domande a riguardo, poste proprio mentre versavo l’acqua del bollitore nella tazzina del caffè.
– “Ma che cos’è?”
– “Un caffè al ganoderma”…
(To be continued)

Articolo della Repubblica sul Ganoderma

Proprietà del fungo:

• Adattogena (proprietà simili a quelle del ginseng): antistress, rilassa la muscolatura scheletrica, ha un effetto sedativo sul sistema nervoso centrale
• Antinfiammatoria e preventiva di malattie neurodegenerative e cardiovascolari
• Anti-ipertensiva, antitrombotica, ipocolesteromizzante, epatoprotettivo, ipoglicemica (riduzione dei livelli di glucosio nel sangue)
• Immunostimolante e antitumorale
• Miglioramento della qualità del sonno e dello stato fisico generale

Aggiornamento: 24/09/2015

Café Latte Ganoderma
Dopo aver acquistato il Café Mocha, ho deciso di provare il Café Latte. La confezione contiene 5 bustine in più, così almeno dura qualche altro giorno e mi costa meno. Ha un ottimo sapore, anche se il primo è veramente squisito! Ho preferito risparmiare per adesso. Che dire? Lo stress non manca, ma almeno dormo meglio. Ho ancora bisogno di tempo per descrivere gli eventuali “benefici” (oltre al sonno). Ne approfitto per allegare un’immagine nuova: sulla destra, trovare la confezione che ho acquistato. Sono già alla seconda in realtà :p!

Iscriviti alla newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti alla nostra newsletter e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Lascia un commento: è sempre gradito :-)

No Comments Yet.

Previous
Vota e Vinci Collistar: concorso Elle Beauty Awards
Caffè al Ganoderma: la mia esperienza è positiva