Dove fare shopping low cost negli Stati Uniti

In occasione della mia luna di miele, ho avuto modo di scoprire alcune catene dove trascorrere ore di shopping sfrenato. Non sempre è possibile trovare il tempo in vacanza, ma se avete intenzione di fare degli acquisti convenienti allora il mio consiglio è di ritagliare un pomeriggio per girare alla ricerca di offerte. I mall, ossia i centri commerciali, pullulano di “clearance“, svendite di collezioni passate. Alcuni hanno dimensioni tali da richiedere un giorno intero, infatti non ho avuto modo di recarmi in un outlet di simile portata, ma ho comunque fatto degli ottimi affari in seguito a delle ricerche online e dei consigli da parte di mia sorella che da anni vive negli States.

Shopping low cost Stati Uniti

T.J. Maxx

Si tratta di una catena d’abbigliamento sita in tantissime città, dove troverete comunque anche altri articoli, da cosmetici a prodotti per la casa. Principalmente rivende vestiti, scarpe e borse, trattando sia brand non conosciuti in Italia, sia marchi davvero rinomati come Tommy Hilfiger, Michael Kors, Calvin Klein, Ralph Lauren, Guess (insomma, tutti americani). Durante la mia luna di miele ne ho visitati due a New York e ho acquistato in entrambi i punti vendita. Ho trovato una borsa Michael Kors con il 50% di sconto (è costata meno di € 150!) ma quello che si è dilettato maggiormente è stato mio marito che ha fatto rifornimento di polo e magliette Ralph Lauren, disponibili a prezzi vari fra i $ 10.99 e i $ 19.99 (beato lui!). Non vi nego che ho avuto difficoltà con le misure, provando diversi jeans troppo larghi, fino a quando non ho capito che la mia misura fosse una 8 e non una 10!

Da T.J. Maxx è possibile trovare anche brand di lusso, come Gucci, Dolce & Gabbana, Tods; purtroppo nonostante gli sconti erano assolutamente fuori budget per me ma i prezzi erano abbastanza convenienti.

Macy’s

Che dire? Quando sono entrata da Macy’s a New York mi sono quasi persa! 8-9 piani per tutti i gusti e una gamma di brand infinita! Non è assolutamente paragonabile a T.J. Maxx, però, in quanto la maggior parte di prezzi sono alti e non scontati. Ricordo che al primo piano ho trovato principalmente brand di cosmetica e di pelletteria; ci sono diversi ingressi e inizialmente mi sono imbattuta nella zona del make-up dove ho subito curiosato. C’erano tantissime commesse che mi chiedevano se avessi bisogno di aiuto e dopo avere risposto una serie di volte che stessi solo dando un’occhiata, ho deciso di sorridere e indossare i panni della turista priva di competenze linguistiche (sorridendo sempre, ovviamente, per non risultare sgarbata :p ). All’inizio cercavo solamente un eyeliner, ma avevo anche dimenticato la crema viso per cui non mi dispiaceva l’idea di trovare una buona offerta; a un certo punto, una commessa più invadente, dopo averle esposto le mie esigenze, ha subito preso un prodotto e lo ha applicato su una parte del mio viso, precisamente intorno all’occhio destro. Non ho capito benissimo la sua spiegazione e soprattutto ho inteso male il costo del fantastico siero che mi aveva appena applicato. Non aveva un eyeliner a detta sua, ma il siero era in offerta giusto giusto quel giorno e c’erano persino degli omaggi! Non mi sono comunque lasciata tentare visto che ancora mi aspettavano tutti gli altri piani e ho deciso di dare un’ulteriore occhiata, anche perché 34 dollari potevo spenderli in un altro stand (nonostante Clinians come brand non mi dispiacesse). Procedo nella camminata e ammiro tutto, da Louis Vuitton a Gucci (da lontano, non volevo perdere tempo guardando cose che non potevo acquistare), per poi raggiungere la zona dei profumi. Mi hanno letteralmente riempita di fragranze di ogni genere: chi si offriva di spruzzarmelo addosso, chi mi dava un pezzo di cartoncino o altro ancora per farmi sentire la profumazione e c’è stato persino un commesso che in quei 5 secondi di passaggio di fronte lo stand, è riuscito anche a mostrarmi la borsa in omaggio che avrei potuto ottenere acquistato il formato xxxxx ml. Insomma: mi sentivo un po’ confusa ma anche emozionata per la vendita aggressiva che ho trovato in questo centro commerciale, così sono salita ai piani di sopra pensando che avrei trovato qualcosa di simile. In realtà la situazione è molto più tranquilla. Ogni piano dedicato all’abbigliamento è diviso in tante aree dedicate a ogni brand, dove è possibile trovare sia sconti fino al 40%, sia capi di fine serie con sconti fino al 70%. Appena l’ho capito, ho cominciato a strabuzzare gli occhi alla ricerca dei segnali in rosso! Nonostante questo e a dispetto dei numerosi piani disponibili, non ho trovato nulla che mi colpisse ma mi sono fermata ad acquistare delle scarpe. Al secondo piano, in un’area piccola ma ben assortita, ho trovato il paradiso: scarpe super scontate ma esposte solo singolarmente (cioè una sola scarpa invece del paio). Non c’era alcuna spiegazione in merito e ho capito solo dopo che bisognava fare la fila, mostrare le scarpe, fornire il proprio nome e aspettare di essere chiamati per ricevere la coppia da provare. Dalla stanchezza ho atteso per un paio e non per altri due modelli che avevo scelto: ho pagato direttamente lì e vi consiglio di farci un salto se amate le scarpe. Continuavano a portarne di altre e c’era proprio di tutto, soprattutto tacchi, tacchi e… tacchi! Questa zona di super clearance si fa notare soprattutto per le scarpe gettate a terra che, ogni tanto, qualche commessa che ha due minuti a disposizione ripone al proprio posto. Purtroppo chi prova non è particolarmente rispettoso e la quantità di scarpe è tale da scivolare con facilità cadendo a terra. Se avete pazienza, vale la pena andare!
P.S. Una volta effettuato questo acquisto, sono tornata al primo piano e il siero l’ho acquistato. Non so come abbia potuto capire 34 dollari invece di 84, però, ma alla fine ho comprato un kit a quel prezzo. Molti brand beauty producono dei cofanetti che, se scontati, risultano più convenienti. Il kit conteneva infatti il siero che mi era piaciuto assieme ad altri due prodotti; mi hanno fatto un 15% di sconto e aggiungendo un altro prodotto, fornivano una shopping bag con diversi campioncini. Sono riuscita a spiegarmi meglio e mi hanno fornito un eyeliner, così sono andata via da Macy con i prodotti Clinians e un paio di scarpe acquistate a soli 15 dollari!

Ross

A Miami ho avuto modo di andare in due punti vendita Ross e lì si che mi sono sbizzarrita: c’erano tantissimi abiti a $ 9.99 e non ho resistito. Ross è un po’ come T.J. Maxx ma con molti più brand economici. Calze, mutande, reggiseni erano ad ottimi prezzi così ne ho approfittato. Mio marito ha fatto scorta di calze Tommy Hilfiger e ha preso un giubbotto Calvin Klein a soli 50 dollari. Le borse Michael Kors qui costavano ancora meno e c’era anche una bella gamma di calzature. Ho preso anche qualche regalo per amici e parenti data la convenienza: ad esempio, un portafoglio Tommy Hilfiger è costato solo 15 dollari! Consiglio vivamente di farci un salto perché a mio avviso è la catena più conveniente dove sono stata.

Rainbow

Premessa: i prodotti che troverete non sono di ottima qualità e molti sono anche bruttini a dire il vero, ma non troverete prezzi simili da nessuna parte! Rainbow è stata una tappa che non avevo previsto: camminavo per la 5th Avenue, era sera e dopo avere acquistato dei souvenir, volevo raggiungere un outlet di scarpe da ginnastica che purtroppo aveva appena chiuso! Ero piuttosto incavolata perché avevo camminato parecchio per arrivarci così ho deciso di fare strada per il ritorno in albergo e mi sono imbattuta in questa bottega interessante solo per i prezzi bassissimi esposti in vetrina. Dato che ormai ero lì e il negozio era aperto, mi sono convinta ad entrare e ho girato ben tre piani. Una toccata e fuga al piano di sotto perché la linea era per taglie forti, qualche minuto di più a quello di sopra per dare un’occhiata alle scarpe (c’erano persino modelli a 2 dollari!!!) e almeno mezz’ora in quello di mezzo dove ho acquistato un cavetto usb per ricaricare il telefono (alla fine con l’attacco sbagliato ma a casa ho trovato con cosa utilizzarlo) con un cuoricino che si illumina quando è attaccato alla corrente a circa 3 dollari, un abito per un’amica a 4 dollari, una maglietta a 6 e un multipack di calze nere a 5. Ero molto sedotta dalla bigiotteria perché c’era un’offerta 1+1 gratis quindi due al prezzo di uno ma dopo parecchia indecisione non ho preso nulla (era un po’ scarsa a livello estetico e di materiali), Insomma, Rainbow è un posto dove cercando, si può trovare qualcosa di carino a prezzi davvero bassi, specialmente se comparati a quelli di tutto ciò che vendono a New York che è davvero carissima!

DSW Designer Shoe Warehouse

Una meta interessante per acquistare scarpe, principalmente nelle aree dove sono presenti degli sconti. Sono stata in un punto vendita vicino a Macy’s e ho acquistato con poco meno di 100 dollari un paio di Puma, delle calze (multipack di fantasmini e altre due paia) e un paio di Adidas. Questa zona fra l’ottava e la nona è piena di negozi dove trovare belle offerte. Mi è dispiaciuto, infatti, trovare le Puma a qualche dollaro meno in una bottega a 300 metri ma non me la sono presa più di tanto perché la differenza non era molta e quando le avevo viste su Zalando alcuni mesi prima, il prezzo pieno era di circa 90 euro per cui avevo comunque fatto un buon affare. In questo negozio troverete anche brand non necessariamente sportivi come Guess e Steve Madden, molto più economici rispetto a quanto costano in Italia.

Kmart

Sicuramente Kmart è uno dei posti che offre prezzi davvero convenienti ma non ho acquistato nulla perché non tratta brand se non i propri, quindi sembra più una sorta di supermercato con abbigliamento, calzature e prodotti vari. Avete presente i vestiti che si trovano all’Auchan o all’Ipercoop? Magari cercando si trova qualcosa, qualche modello basic come canottiere monocolore, pigiami e via dicendo, però con tutti quei negozi intorno e una valigia che ha una capienza limitata, ho preferito fare acquisti altrove. Sicuramente bisogna comunque andare visto che è una catena americana davvero famosa però non mi sento molto di consigliarla per l’abbigliamento.

Sicuramente ci saranno molti altri posti dove andare ma io per il momento non ho altro da consigliare. Magari mi capiterà di ritornare negli Stati Uniti e scoprirne di nuovi: in tal caso, aggiornerò volentieri la lista. Se ne conoscete altri lasciate un commento: potrebbe essere d’aiuto a chi legge e anche io accetto consigli da seguire per un futuro viaggio 🙂

Iscriviti alla newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti alla nostra newsletter e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Lascia un commento: è sempre gradito :-)

No Comments Yet.

Previous
Come diventare tester dei prodotti
Dove fare shopping low cost negli Stati Uniti